panorama citta di new york


lotteria green cardNew York, la Grande Mela, la città dei sogni che si avverano, la capitale del mondo. Quanti modi per tentare di descrivere questa incredibile città che non dorme mai e che continua ad essere la città più visitata al mondo. Chi vuole sentirsi al centro del mondo sceglie New York come teatro dei propri sogni ed aspirazioni, perché se qualcosa accade nel mondo, prima passa da qui.
Possiamo dire, con una certa soddisfazione, che New York parla un pò italiano: molti nostri connazionali hanno contribuito, con il loro lavoro e le loro attività, a fare di questa città ciò che è. E questo è il motivo per cui, ancora oggi, molti italiani la scelgono per vivere esperienze di vita e di lavoro nuove e stimolanti. Come se ci fosse un sottile filo rosso ad unire le storie dei primi italiani sbarcati qui e quelli che continuano ad arrivarci.
Uno degli aspetti più complessi per chi vuole trasferirsi a New York è legato all'ottenimento dei visti di residenza e lavoro. È bene prendere sul serio questo argomento perché, cosa ben nota, gli Stati Uniti adottano una politica molto severa per combattere l'immigrazione illegale. Quindi cercare di fare le cose al di fuori delle regole è assolutamente sconsigliabile, dal momento che, per chi cerca di vivere e lavorare illegalmente a New York, il rischio è quello di venire espulsi con la proibizione di rientrare negli Usa.



Uno degli ambiti che offrono maggiori opportunità di lavoro è quello della ristorazione. La trafila per l'ottenimento di un permesso di lavoro prevede che il candidato che ne fa richiesta possa contare su quello che viene definito uno sponsor, solitamente il datore di lavoro. L'autorità dell'immigrazione o USCIS, non applica particolari restrizioni nel numero di visti rilasciati nel caso di ristoranti che vogliano assumere personale specializzato italiano, come chef, pizzaioli e altre figure professionali. Questo perché la professionalità italiana in questo campo è, non solo riconosciuta, ma anche considerata una fonte economica di non secondaria importanza.


(8) Commenti

rosario tassoni
19 gennaio 2017, 17:39
Bentrovati,
Ho una lunga esperienza nella gestione commerciale di aziende, rete vendite e store in ambito fashion e gioielleria.
Ho fatto il direttore commerciale per molti anni per big spender del lusso italiano, portandole in vari paesi esteri, con prevalenza sull'area dell'EMEA. Il mio sogno è di lavorare negli States, dove vado spesso ed ho lavorato come export, potete aiutarmi?
Grazie
Ros Massimiliano Tassoni
Lavinia testa
17 gennaio 2017, 23:25
Vorrei lavorare a NYcity
Sono infermiera d area critica e ho 30 anni , parlo inglese!
SEBASTIAN WALTER IRACI
17 gennaio 2017, 15:36
Buongiorno.
l'otto marzo compio sessant'anni. Mi mancano quindi pochi anni per andare in pensione, e mi piacerebbe finire i miei giorni a BROOKLYN, DOVE SONO NATO NEL 1957. Poi mio padre, non so perchè, ha deciso nel 1964 di tornare in Italia, ed adesso come allora vivo a NOVARA, dove svolgo un'attività particolare, Dopo quasi vent'anni di lavoro nella pubblica amministrazione, dove lavoravo presso l'Ufficio delle Ipoteche, ho intrapreso un'attività autonoma e dal 2001 collaboro per studi legali e notarili, e mi occupo di accertamenti ipotecari e catastali (in pratica sono dall'altra parte dello sportello, dove lavoravo prima! Il mio lavoro è quello di "visurista". Esiste un'analoga professione negli Stati Uniti???
Sarebbe bello intraprendere un'attività simile nel paese dove sono nato. HO ABITATO A BROOKLYN 1959 WEST 7TH e tra l'altro mi sembra che quella casa sia pure in vendita (ma non mi serve arrivare a tanto!). Sono sposato da 33 anni, senza figli. Mia moglie svolge la professione di Amministratore di Condomini. Anche Lei ha lavorato quasi vent'anni nella pubblica amministrazione, all'Ufficio del Registro.
jessica
14 gennaio 2017, 14:39
salve, sono laureata in economia e finanza e cerco lavoro a new york e dintorni. Ho avuto varie esperienze lavorative che mi hanno permesso di scoprire la mia versatilità nell'ambito lavorativo, per cui in ogni cosa che faccio metto corpo e anima, mi piace farmi valere e raggiungere i miei obiettivi. Ho una conoscenza ottima della grammatica inglese e sto approfondendo gli studi per imparare a parlare la lingua in modo sempre più fluente.

vi ringrazio e porgo cordiali saluti
Nicolina
22 dicembre 2016, 10:04
Sono laureata in turismo conoscenza della lingua inglese c1 vorrei lavorare in questo settore a new york. Grazie
Giovanni Verrecchia
21 dicembre 2016, 11:18
chef italiano con esperienza decennale, cerca lavoro in ristorante italiano di New York e dintorni. disponibile da subito. esperienza, serietà, puntualità, precisione e pulizia garantite.
Fabio
20 dicembre 2016, 15:00
Salve, sono pizzaziolo napoletano, con esperienza, cerco lavoro per una stagione in una pizzaria italiana a New York.
Moreno
19 dicembre 2016, 01:16
Ho 44 anni cerco qualsiasi lavoro come operaio qualsiasi orario di lavoro

Scrivici per offerte e/o richieste lavoro a New York

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento