ground zero - new york city


Sebbene questa espressione indichi il punto della superficie terrestre più vicino ad un'esplosione, e sia spesso stato associato alle esplosioni nucleari, dopo l'11 settembre 2001 è diventato parte del vocabolario emotivo di ciascuno di noi diventando sinonimo della ferita di New York; quella soleggiata e cristallina mattina di settembre ha cambiato per sempre la storia della città e del mondo intero. Ground Zero indica ormai il luogo su cui sorgevano le Twin Towers, emblema della potenza economica e finanziaria di questa città e, non a caso, scelte come obiettivo dell'attacco terroristico. Colpire le Torri Gemelle ha significato colpire al cuore New York.

Ancora oggi si continua a chiamare così questo luogo, anche dopo la costruzione del One World Trade Center e il National September 11 Memorial & Museum. Molte sono state le polemiche e le discordie che hanno accompagnato, da subito, i diversi progetti legati alla riqualificazione dell'area s cui sorgeva il World Trade Center. Il Lower Manhattan Development Corporation indisse una gara per stabilire quale potesse essere il progetto migliore e tra mille polemiche e modifiche il vincitore risultò l'architetto Daniel Libeskind. Prese il via così la costruzione della così detta Freedom Tower che si è trovata al centro di discussioni ed interessi che forse sarebbe stato meglio evitare visto il carattere altamente simbolico del luogo. Del resto gli interessi economico-politici dietro questa opera di ricostruzione erano, e sono, tali e tanti che questo genere di chiacchiere era inevitabile.

Altra costruzione è stata quella che ha portato al National September 11 Memorial & Museum che ha come location il punto esatto in cui sorgevano le Twin Towers. Anche per questa opera fu indetta una gara, vinta da Micheal Arad che, in collaborazione con uno studio di architettura del paesaggio diede via al progetto. Il National Sptember 11 Memorial & Museum dovrebbe essere una fondazione non profit con la finalità di raccogliere fondi per il mantenimento di questa struttura e la difesa della memoria delle vittime dell'attentato. Anche in questo caso le polemiche non sono mancate rendendo il luogo uno spiacevole teatro di rivalità politiche e d economiche. In ogni caso, l'11 settembre del 2011, in occasione del decimo anniversario dell'attacco il memoriale fu ufficialmente aperto, mentre il museo dovrebbe aprire nel settembre del 2012.




Scrivici per offerte e/o richieste lavoro a New York

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento